Instagram vara nuove linee guida

Instagram vara nuove linee guida per i suoi utenti. Linee guida che, fin da un primo approccio, sembrano essere notevolmente più severe di quelle precedentemente in vigore, probabilmente per disciplinare l’utilizzo di un social network che – seppur ha raggiunto una piena maturità e attrattività – dimostra di essere ancora in una piena fase evolutiva.

Insomma, Instagram ha rotto recentemente gli indugi ed ha lanciato un approccio più rigido su quello che sarà possibile o non possibile fare all’interno del suo servizio di photo-sharing. La società ha infatti confermato di aver aggiornato le proprie linee guida sulla community, con una serie di norme più lunghe, e maggiori dettagli che dovrebbero ispirare i comportamenti dei membri del proprio network.

Naturalmente, quanto sopra non varia la sostanza di Instagram che, nelle premesse alle nuove regole, ricorda di voler ancora essere “un luogo autentico e sicuro per l’ispirazione e l’espressione”, e domandando quindi aiuto alla comunità, affinchè possa pubblicare solamente le proprie foto e video, rispettando tutti gli utenti, senza fare spam o postare foto di nudo.

Appare abbastanza chiara la volontà di uno dei social network più amati al mondo. Evitare il propagarsi e il prolungarsi dell’elevato numero delle denunce conseguite per le proprie linee guida limitative in passato, e in particolar modo per la propria decisione di non permettere l’inserimento di foto di donne in topless (qualche tempo fa, una simile decisione fu propizia di una particolare campagna pro-seno che vide Miley Cyrus tra le principali esponenti).

Instagram non sembra tuttavia voler fare passi indietro e, anzi, sulla nudità mostra di avere le idee molto chiare. “Sappiamo che ci sono momenti in cui la gente potrebbe voler condividere le immagini di nudo che sono artistiche o creative in natura, ma per una serie di motivi non permettiamo il nudo su Instagram” – afferma ancora il social network nelle proprie comunicazioni – “Questo include foto, video, e alcuni contenuti digitalmente creati che mostrano atti di un rapporto sessuale, i genitali, e i primi piani di natiche completamente nude. Sono comprese [nel divieto] anche le foto di capezzoli femminili”.

Di contro, la società ha aperto alle foto delle donne che allattano, o alle foto con nudità di dipinti e di sculture. Voi che ne pensate di queste nuove regole? Vi sembrano sufficientemente adatte alla gestione di un social così importante, o sono troppo limitative?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *