Fatturazione elettronica verso la PA, suggerimenti per la compilazione

È scattato il 31 marzo scorso, l’obbligo di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione. Da questa data in poi, la PA non ha più potuto accettare né pagare fatture emesse in formato cartaceo. La strada per l’adeguamento è ancora lunga, ma la data definitiva è già nota. Si tratta del 1° gennaio 2017, scadenza prevista per l’adeguamento definitivo all’amministrazione digitale, estesa anche ai privati. Intanto, per poter essere pagati dalla Pubblica Amministrazione è necessario essere piuttosto pragmatici. In che modo? Per emettere una fattura elettronica verso la PA, occorre saperla compilare, firmare e trasmettere. Ecco come fare.

FATTURAZIONE ELETTRONICA: I TRE TIPI DI FILE CONSENTITI

Tutti gli operatori che hanno bisogno di fatturare verso la Pubblica Amministrazione devono dire addio al supporto cartaceo e rassegnarsi a lavorare in XML. Per cominciare, occorre precisare che il sistema di interscambio prevede tre tipi di file. Il file FatturaPA è un documento in formato XML che può contenere una singola fattura firmata digitalmente o un lotto di esse, purché abbiano la stessa intestazione.

Un file Archivio, in formato zip, che contiene uno o molteplici file FatturaPA. Infine, un file messaggio, ancora in XML, che rappresenta uno schema XML contenente tutte le informazioni relative all’attività sul sistema, come notifiche di scarto, ricevute di consegna, notifiche di esito e simili.

Per poter inviare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione, è necessario collegarsi al sito www.fatturapa.gov.it ed effettuare l’accesso con le proprie credenziali Fisconline/Entratel oppure con quelle della Carta Nazionale dei Servizi, abilitata tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate. In fase di registrazione, ma anche in quella d’accesso, è richiesto un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) utile alla ricezione della mail di attivazione dell’account.

ULTIMO PASSAGGIO: LA FIRMA ELETTRONICA

Effettuati correttamente questi passaggi, è ora possibile iniziare a compilare la fattura elettronica. La compilazione della fattura va fatta esclusivamente online, dopo aver installato Adobe Flash Player. Una volta completato l’accesso, dovrebbe apparire una schermata completa delle sezioni da compilare. Tutte le sezioni colorate di giallo sono obbligatorie. I campi vanno quindi riempiti con i dati in nostro possesso. Al termine della compilazione di ogni campo, è bene controllare il tab errori per verificare che non vi siano inesattezze: in questo modo, si evitano inutili perdite di tempo in fase di invio.

Terminata la compilazione e appurato che non vi siano errori, è arrivato il momento di firmare digitalmente il documento. Il sistema di interscambio supporta due formati di firma: il CAdES-BES (che corrisponde al formato xml.p7m) e il XAdES-BES (in formato XML).

Il file va ora inviato al Sistema di Interscambio, tramite uno dei seguenti canali: invio via PEC (all’indirizzo sdi01@pec.fatturapa.it, con file che non superino i 30 MB); via web tramite l’interfaccia di www.fatturapa.gov.it; con servizio SDICoop; con servizio SDIFTP (file transfer protocol) e servizio SPCoop. Una volta completato l’invio, è possibile monitorare lo stato dei propri documenti attraverso il file messaggio. Sul sito www.indicepa.gov.it sono disponibili tutti gli identificativi degli enti da inserire in fattura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *