Category Archives: Finanza

BCE, verbali confermano posizione accomodante

La pubblicazione dei verbali dell’ultima riunione della Banca centrale europea risalente al 18 e al 19 gennaio scorso, ha chiarito – come da attese largamente diffuse – come l’istituto monetario dell’eurozona sia comunque disposta a tollerare “deviazioni limitate e temporanee” al meccanismo di ponderazione degli acquisti attraverso le quote di capitale.

Inizia l’era Trump, ecco le prime proprietà del nuovo presidente

Nelle sue prime giornate operative da presidente degli Stati Uniti, in occasione di una serie di incontri con manager di grandi imprese, sindacati e membri del Congresso, e di altri meeting recenti, Trump ha confermato le sue priorità: in cima alla lista svetta il protezionismo, seguito dalla riduzione della regolamentazione e delle imposte e dalla creazione di posti di lavoro.

Come funziona il decreto per gli interventi sulle banche

Recentemente il Consiglio dei Ministri ha annunciato l’approvazione di strumenti giuridici che siano propedeutici a interventi “su liquidità e patrimonio delle banche“. Il comunicato stampa del governo, pubblicato nell’immediatezza dell’annuncio del via libera del Parlamento, contiene diversi spunti di valutazione che ci permettono di comprendere quali saranno le caratteristiche di questo intervento.

Elezioni USA trascinano al rialzo i tassi governativi euro

I tassi governativi relativi ai titoli dell’area euro avevano iniziato a salire già diverso tempo prima del voto americano per le elezioni presidenziali negli Stati Uniti, in linea con il movimento dei rendimenti globali. Tuttavia, appare molto evidente come il movimento si sia fortemente accentuato dopo il voto che ha permesso l’elezione alla Casa Bianca del candidato repubblicano Donald Trump.

L’Italia torna in deflazione

Nessuna sorpresa è giunta dai dati macroeconomici che sono stati pubblicati negli ultimi giorni in relazione all’area euro. La prima stima di crescita economica per il terzo trimestre ha infatti mostrato un aumento del prodotto interno lordo dello 0,3 per cento trimestre su trimestre come in primavera e in linea con le previsioni di consenso. Su base annua, il PIL dovrebbe aver ancora viaggiato a 1,6 per cento anno su anno, al di sopra del potenziale. Nei mesi estivi, consumi e investimenti (in particolare in costruzioni) dovrebbero aver sostenuto la crescita del PIL, ma il dettaglio si avrà solo il 15 novembre 2016, con la pubblicazione dei dati post stime.

Agevolazioni acquisto prima casa: spettano anche se l’immobile è nel luogo di lavoro

Stando a quanto affermato dai giudici tributari capitolini con la sentenza n. 2219/2016, emessa dalla sezione sesta della Commissione tributaria regionale di Roma, e depositata lo scorso 20 aprile, l’agevolazione per l’acquisto della prima casa (o per il riacquisto della stessa) spetta non solamente nel caso in cui si trasferisca la residenza nell’immobile acquistato entro 12 o 18 mesi (a seconda dei casi) bensì anche quando l’immobile è è situato nel comune dove il contribuente svolge la propria attività lavorativa.

Unicredit pubblica i risultati del trimestre

Unicredit, uno dei principali istituti di credito del Paese, ha recentemente diffuso i propri risultati trimestrali. Stando a quanto si legge nel materiale diramato agli stakeholders, il gruppo bancario milanese ha archiviato i risultati del secondo periodo dell’anno con un utile netto rettificato per le poste straordinarie pari a 687 milioni di euro, con un incremento su base annua del 31,5 per cento. Grazie a tali risultati, Unicredit ha dunque potuto mandare in archivio il secondo trimestre con un livello di redditività che è superiore alle attese di mercato, pari a meno di 665 milioni di euro.

Presto si potranno acquistare i future sulle uova

Fino a questo momento i trader hanno avuto l’opportunità di acquistare un largo numero di future. Dal ferro al rame, dall’oro al petrolio, non sono pochi gli asset su cui è stato possibile investire mediante tali contratti. Tuttavia, qualcosa sta per cambiare, andando a integrando il già vasto panorama con nuovi beni, come le uova.

Conviene investire in appartamenti o in box?

Vi siete mai chiesti se convenga investire in box o in un appartamento? Se ve lo siete domandati, e pensate di avere una risposta “certa” nella seconda soluzione, forse c’è qualcosa che dovreste sapere. Un’analisi effettuata dall’Ufficio studi del Gruppo Tecnocasa segnala infatti che i rendimenti annui lordi dei box sono mediamente più elevati di quelli degli appartamenti.

In particolare, prosegue il dossier curato dall’Ufficio Studi di Tecnocasa, nelle grandi città i rendimenti si attestano al 5,9% contro il 4,6% di un bilocale. Ma un aspetto da considerare quando si investe sul mattone, che sia un appartamento o che sia un box, è la rivalutazione degli immobili nel tempo.

BCE: e se la liquidità fosse stata data alle famiglie?

È apparso sul sito di Scenari Economici pochi giorni fa, e a qualcuno potrebbe esser sembrato un mero gioco di analisi matematica. In realtà, si tratta di un elemento tutt’altro che ludico, che sta suscitando particolare interesse tra vari osservatori, pur nella sostanziale impossibilità di una simile realizzazione.

Quel di cui parliamo è la tabellina apparsa sul sito che, con pochi ma concreti numeri, cerca di spiegare perché anche l’ultimo bazooka di Mario Draghi rischia di non avere alcun effetto sull’economia reale. La BCE ha infatti varato 80 miliardi al mese per 12 mesi, ovvero una fornitura di denaro a buon mercato alle banche della zona euro per 960 miliardi di euro l’anno per acquistare titoli di Stato e obbligazioni societarie non speculative.